sabato 18 maggio 2013

SER BALDUZIO 2006 - Montepulciano Gran Cru Riserva - Marche I.G.T.- Az. Agr. Fiorano

...torno a tessere le lodi pro-Fiorano, anche perché quello che mi scolo oggi é il loro vino più importante, il gran cru della casa, insomma il pezzo forte... e non potevo esimermi dal mio ruolo di raccontastorienoiche!!


Chi segue il blog sa bene di chi parlo, perché questa é la sua terza bottiglia che stappo e vi racconto. Un viaggio in crescendo tra i vini di una delle più interessanti realtà biologiche italiane. Punto di contatto che mi ha permesso di conoscere Paolo, scoprire e acquistare i suoi vini (ma meritano una menzione anche l'ottimo extravergine e soprattutto la grappa) é l'annuale e imperdibile appuntamento con la fiera mercato del Leoncavallo "La Terra trema" (leggi qui come é andata l'ultima edizione!).

Rischierò quindi di ripetermi raccontandovi del Ser Balduzio di Fiorano, avendo già scritto dei post in merito ad altri due vini della casa, come
il Rosso Piceno "Terre di Giobbe" (che ironia della sorte, ho ritrovato sul tavolo dei compagni vignaioli di Aurora, segno anche loro apprezzano i vini "del milanese") e l'eccellente pecorino "Donna Orgilla" (che non a caso ho inserito tra "I migliori stappati del 2012" per Simo diVino), oltre che vino Slow 2012).

Corro quindi il rischio e torno a tessere le lodi pro-Fiorano, anche perché quello che mi scolo oggi é il loro vino più importante, il gran cru della casa, insomma il pezzo forte... e non potevo esimermi dal mio ruolo di raccontastorienoiche!!

Per chi non ha letto i due post precedenti e ancora peggio, non conosce questa interessantissima realtà vitivinicola marchigiana, vi dico solo che Paolo era un milanese che si occupava di dentiere, ma dal 2003 (direi senza alcun pentimento), vive a Cossignano (AP) ed é uno splendido vignaiolo marchigiano, ed insieme alla moglie Paola, gestisce anche un bellissimo agriturismo, incastonato in un paesaggio collinare emozionante. 12 ettari di cui 5 a vigneto, gestiti a regime biologico certificato, con le uve locali a farla da padrone, Montepulciano e Sangiovese per i rossi, Pecorino per i bianchi... una conduzione ecosostenibile della vigna, unita ad una produzione di stampo artigianale ma con attrezzature moderne, hanno consentito nel giro di pochi anni di arrivare alla realizzazione di circa 30.000 bottiglie di convincenti vini naturali, territoriali e caratteristici.

Il vino di cui vi scrivo oggi é dell'annata 2006 e si chiama Ser Balduzio, un Montepulciano riserva che rappresenta il gran cru della cantina. L'ho acquistato alla Terra Trema di due anni fa direttamente da Paolo per 16 euro, ma credo che attualmente passi le 20 se vi indirizzate ad una enoteca.

Classificato come Marche Rosso I.G.T., si tratta di un Montepulciano in purezza ricavato dalle uve del piccolo vigneto Fraticelli (0,7ha), con oltre 10 anni di età ad inerbimento spontaneo, con concimazioni a base di sovescio. Il terreno in cui sorge é di tipo argilloso, la densità di impianto arriva a 4500 piante, con una produzione media di 1,5kg per ceppo. Il Ser Balduzio é vino dal grande affinamento, ci vorranno ben 4 anni prima di vederlo sugli scaffali. I primi 2 li passerà in botti di rovere francese da 10 hl , prima di passare in tonneaux di rovere di slavonia da 5 hl per 12 mesi e concludere (senza alcuna filtrazione) con un anno in bottiglia. Produzione di questo cru, vicina alle 3500 unità.

Come previsto, in virtù della materia prima in purezza, nel bicchiere il Ser Balduzio si presenta con un aspetto decisamente “montepulcianoso”; vestito di un rosso rubino scuro e concentrato, profondo e di bella eleganza, senza risultare eccessivamente inchiostrato e denso. Il naso spinge vinoso e alcolico (14.5%vol.), mettendo in evidenza i risultati del lungo affinamento in legno. Alle note più morbide e tondeggianti della frutta nera matura si mischiano i più pungenti sentori speziati, le note erbacee e una leggera tostatura di fondo. Un naso interessante a cui forse manca un po’ di slancio e di apertura (almeno in riferimento a questa annata), ma che sa evolvere ed intrigare, costringendomi a ripetute e “curiose” sniffate. Vino di corpo e struttura importante, riempie bene la bocca, dimostrandosi polposo e di coinvolgente rotondità. La trama tannica è maestosa e viva, pur senza spigolature, la frutta è matura e il legno presente, ma la beva non risulta mai seduta o faticosa. Il vino mantiene una discreta dinamicità e una buona finezza, una freschezza di fondo che gli conferisce slancio (oltre a dimostrarne la longevità) abbinata ad una giusta dose di eleganza ma anche rusticità. Il finale è lungo, profondo e scuro.

Non sono un fanatico del genere, ma il Ser Balduzio ha buone carte da giocare per farsi apprezzare anche da chi non impazzisce per il Montepulciano. Non solo per l’aspetto produttivo eticamente condotto da Fiorano, ma anche per la soddisfazione che regala alla beva. Pur senza punte di eccellenza estrema, la chiave di volta di questo gran cru, sta proprio nell’evitare di esasperare troppo le caratteristiche organolettiche del vino. Troppo spesso ho ritrovato nel bicchiere vini caricati a forza, legnosi, zuccherosi e marmellatosi. In questo caso invece, sa esprime le caratteristiche dell’uvaggio, dimostrandosi vino spesso ed importante, senza rinunciare alle note più pungenti e ad una discreta dinamicità, che lo rendono disteso e scorrevole.  

Ovviamente non si offende se dimenticato in cantina, ancora meno se lo abbinate a qualche piatto rustico marchigiano, magari a base di selvaggina. Un vino che dimostra personalità e che poco ha da invidiare ai best seller della categoria, a dimostrazione della validità del lavoro svolto da Fiorano.

5 commenti:

  1. C'ho avuto impressioni sostanzialmente coincidenti.

    RispondiElimina
  2. Tutta la batteria di Fiorano è davvero notevolissima! Bravi, bravi, bravi!! In zona segnalo anche Fontorfio, una nuovissima cantina sempre in Cossignano, di cui ho assaggiato un Pecorino 2011 verace e per palati robusti, e il Montepulciano di Rasicci, pochi km più a sud a Controguerra (TE), dal rapporto q/p veramente imbattibile!
    Ciao
    Valerio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la dritta… :-)

      Elimina
    2. ...confermo sul Pecorino di Fontorfio: m'è piaciuto assai.
      Si tratta per la precisione di Marche bianco igt Cossineo '11, ma è 100% Pecorino.

      Elimina
    3. Se lo dice un esperto di vini marchigiani come Rinaldo... vado a colpo sicuro allora...

      Elimina

PIACIUTO L'ULTIMO POST?? ALLORA LEGGITI ANCHE QUESTI >>

Clicca sulla foto per accedere al post....

3 PACCHE SULLA SPALLA!! STAPPATI 2015.... ECCO LA PLAYLIST!!

3 PACCHE SULLA SPALLA!! STAPPATI 2015.... ECCO LA PLAYLIST!!
Il solito grande classico di fine anno... puntuale come il mercante in fiera, eccovi la playlist di questo 2015...

GATTINARA RISERVA 2006 - D.O.C.G. - Paride Iaretti

GATTINARA RISERVA 2006 - D.O.C.G. - Paride Iaretti
...ritroverete in questo sorso di Gattinara un vino autentico… Il collegamento imprescindibile di vigna, uomo e terra.

VIS 2011 - Barbera d'Asti Superiore D.O.C.G. - Crealto

VIS 2011 - Barbera d'Asti Superiore D.O.C.G. - Crealto
Ancora Crealto, ancora un grande vino... prendetemi alla lettera, la loro Barbera affinata in terracotta è una chicca che sorprende e affascina...

LA TERRA TREMA 2015 - 9°edizione

LA TERRA TREMA 2015 - 9°edizione
"Per noi acquistare una bottiglia di vino, significa acquistare consapevolezza e sapere, oltre che la gioia di godere di un vino come poesia"

PINOT NERO 2010 - Toscana I.G.T. - Voltumna

PINOT NERO 2010 - Toscana I.G.T. - Voltumna
Se avete passato uggiosi pomeriggi a consumare i vinili di Joy division, The Cure, Siouxsie and the Banshees, Bauhaus... non potete rimanere indifferenti al pinot nero di Voltumna.

VB1 VERMENTINO 2010 - Riviera Ligure di Ponente D.O.C. - Tenuta Selvadolce

VB1 VERMENTINO 2010 - Riviera Ligure di Ponente D.O.C. - Tenuta Selvadolce
Uno dei migliori assaggi della Riviera Ligure di Ponente... uno di quei casi in cui è il vino nel bicchiere che parla (...anche al posto del vignaiolo...)

ALTEA ROSSO 2012 - Sibiola I.G.T. - Altea Illotto

ALTEA ROSSO 2012 - Sibiola I.G.T. - Altea Illotto
Serdiana prov. di Cagliari, a pochi metri da dove nasce il vino status symbol dell'enologia sarda, troviamo una bella realtà di bio-resistenza contadina...

RIBOLLA GIALLA 2013 - I.G.P. delle Venezie - I Clivi

RIBOLLA GIALLA 2013 - I.G.P. delle Venezie - I Clivi
Una ribolla che è un soffio di vento... lontani anni luci dai bianchi "tamarrosi" a pasta gialla, tropicalisti, dolciastri, bananosi e polposi.

BARBARESCO CURRA' 2010 - D.O.C.G. - Cantina del Glicine

BARBARESCO CURRA' 2010 - D.O.C.G. - Cantina del Glicine
...piccola, artigianale, familiare, storica… un passo indietro nel tempo... la bottiglia giusta per l'autunno che verrà...

FIANO DI AVELLINO 2012 - D.O.P. - Ciro Picariello

FIANO DI AVELLINO 2012 - D.O.P. - Ciro Picariello
Niente enologo, niente concimi, approccio artigianale e tanta semplicità affinché il vino possa esprimere al meglio il territorio. Se dici Fiano, Ciro Picariello è un punto di riferimento assoluto.

DOS TIERRAS 2011 - Sicilia I.G.T. - Badalucco de la Iglesia Garcia

DOS TIERRAS 2011 - Sicilia I.G.T. - Badalucco de la Iglesia Garcia
...una fusione eno-culturale vincente, un vino che intriga, incuriosisce e si lascia amare, un vino del sole e della gioia, della bellezza territoriale e popolare che accomuna Spagna e Sicilia.

RENOSU BIANCO - Romangia I.G.T. - Tenute Dettori

RENOSU BIANCO - Romangia I.G.T. - Tenute Dettori
...quello che entusiasma del Renosu Bianco è tutto il suo insieme, dalla sua naturalità alla sua originalità, mantenendo una piacevole semplicità nel sorso...

CINQUE VINI, TRE SORELLE, UN TERRITORIO > TUTTI I ROSSI DEL CASTELLO CONTI... IL POST DEFINITIVO

CINQUE VINI, TRE SORELLE, UN TERRITORIO > TUTTI I ROSSI DEL CASTELLO CONTI... IL POST DEFINITIVO
Conosco e bevo "Castello Conti" da alcuni anni, e provo una profonda ammirazione per i loro vini e per il lavoro "senza trucchi" di Elena e Paola. Da una recente visita con degustazione presso la loro cantina di Maggiora, é nata una sorta di collaborazione appassionata, che mi ha permesso di gustare l'intera produzione di rossi del Castello, che oggi in questo mega-post ho il piacere di raccontarvi alla mia maniera...

ACQUISTI IN CANTINA... A VOLTE I CONTI NON TORNANO !!

ACQUISTI IN CANTINA... A VOLTE I CONTI NON TORNANO !!
da "Le vie del vino" di Jonathan Nossiter... < - In cantina questo Volnay, che qui é a 68 euro, ne costa più o meno 25. Quindi non sono i De Montille ad arricchirsi. Ma quando arriva a Parigi o a New York, il vino costa almeno il doppio che dal produttore. - Quindi per noi che abitiamo in Francia val la pena di andare a comprare direttamente da lui. - Si in un certo senso, il ruolo dell'enoteca in città è quello di aprirti le porte per farti scoprire il tuo gusto personale, e di esserti utile quando hai bisogno di qualcosa rapidamente. Poi spetta a te stabilire una relazione diretta con il produttore >

NON STRESSATECI IN ENOTECA !!

NON STRESSATECI IN ENOTECA !!
...Anche se sono un po’ più giovane e indosso il parka con le pins non significa che entro per mettermi sotto il giubbotto le bottiglie di Petrus fiore all’occhiello della vostra enoteca, quindi evitate di allungare il collo o sguinzagliarmi alle spalle un commesso ogni volta che giro dietro allo scaffale.