domenica 7 luglio 2013

MONTE DEL CUCA 2010 - Vino Bianco - Menti Giovanni


Se mi passate il termine un vino “punk”, nella sua forma più “underground”, dove conta l’impatto, il ruvido, la vibra... le sonorità meno pulite ma dirette. In secondo piano la tecnica dei musicisti, la precisione stilistica, la pulizia nel suono. Ma va bene così…


Chi ha letto il mio post dedicato alla prima edizione de “Gli estremi del vino”, sa che mi sono concentrato sui produttori lombardi, tralasciando il resto d’Italia e tornandomene a casa un po’ dispiaciuto per i tanti assaggi mancati… ma come a volte capita, quello che lasci poi ti ritorna…  così i primi bianchi stappati dopo la trasferta di Pisogne, sono proprio di due vignaioli presenti alla fiera e “saltati” dal sottoscritto… la Ribolla di Terpin, di cui ho già scritto e il Monte del Cuca di Giovanni Menti che vado ad assaggiare. 

Indubbiamente quando pensi al binomio Gambellara-vini naturali, il primo nome che ti viene in mente è quello del caposcuola Angiolino Maule, ma sicuramente gli appassionati del genere conoscono bene anche questa cantina, che ha legato il proprio nome al territorio vicentino e al suo vitigno autoctono per eccellenza, ovvero la Garganega. 

La cantina Menti con Stefano, é ormai giunta alla quarta generazione di vignaioli e prende il nome da Giovanni, che ne fu il fondatore. Si protrae quindi la conduzione familiare e ad oggi l'azienda conduce circa 7 ettari e mezzo di vigneti nella zona collinare di Gambellara, coltivati a Garganega e Durello, da cui si ricavano vini bianchi fermi, frizzanti, spumanti e passiti. La conduzione delle vigne é a regime biologico, con l'utilizzo del metodo biodinamico, senza utilizzo di prodotti chimici, a cui si associa una condotta senza trucchi in cantina con l’utilizzo dei soli lieviti indigeni e dosaggio di solforosa bassissimo. Vini (e vignaiolo) che vogliono esprimere in primis il terroir, caratterizzato da un sottosuolo di origini vulcaniche. 

L'attuale produzione si aggira sulle 40.000 bottiglie e sicuramente incuriosisce la dicitura riportata… "vino volutamente declassato", che sta ad esprimere la volontà di essere vignaioli liberi ed indipendenti da etichette, consorzi e disciplinari. Menti ha tutte le carte in regola per rientrare nelle disciplinari e ottenere le certificazioni, ma predilige lasciar parlare i suoi vini ed essere libero da un sistema burocratico ed economico svantaggioso, sia per il produttore che per il consumatore. Sicuramente Stefano é uno a cui piace uscire dagli schemi, fare esperienze nuove, evolversi… in vigna, in cantina, tra le scartoffie..

Provare per credere ecco il suo Monte del Cuca, che stando a quanto mi hanno riferito, é un po' il pezzo forte tra i Garganega proposti.. dal “Roncaie”, un frizzante naturale, al “Paiele”, diciamo il Garganega base, il “Riva Arsiglia” le cui uve provengono da vigneti con oltre 60 anni di età e il “Monte del Cuca”... che é un pò il cru del lotto, le cui uve provengono da un piccolo vigneto di mezzo ettaro situato in collina e da cui il vino prende il nome. Piante con circa 40 anni di età con resa di 80 ql/ha per una produzione limitata a 2000 bottiglie per questa annata 2010. Fermentazione con lieviti spontanei sulle bucce senza il controllo della temperatura. Ben due anni in acciaio con i propri lieviti a cui segue un periodo di affinamento in bottiglia. 

Quando si definisce un bianco “Orange wine”, per quanto il termine non mi faccia impazzire, l’immagine che si materializza nella mia testa è proprio quella di questo Monte del Cuca. Già la bottiglia è indicativa, vetro marrone ed etichetta arancione… il vino ovviamente è di un giallo oro scuro tendente al bronzo, decisamente denso e viscoso lungo le pareti… diciamo atteggiamento più da rosso che da bianco… per rendervi l’idea. Il naso è molto particolare, deciso, persistente e intenso, carico e ricco di note difficilmente identificabili e che poco hanno a che fare con quelle tipiche dei vini bianchi. Leggermente vinoso, quasi caldo tra le rotonde note di frutta stramatura macerata, accenni di frutta secca e le più pungenti note speziate, sentori fumè e boisè, ma soprattutto sensazioni “rocciose” che ne forgiano il carattere e la vena minerale, espressione “diretta” di quel suolo vulcanico su cui sorgono le vigne. Il palato è pieno e avvolto dalla densità del vino, leggero sentore alcolico (13%vol.) con tannino vivo, quasi ruvido e un po’ sgraziato, ma assai piacevole, dalla intrigante e particolare gamma gustativa, quasi tridimensionale nel saper coniugare sensazioni polpose e tendenzialmente dolciastre, con buona mineralità e un intrigante finale amarognolo che ricorda un po’ i vini liquorosi da lungo invecchiamento. Vino di corpo e struttura per un “aranciato” che può essere tranquillamente dimenticato in cantina. 

Volendo fare un paragone con il precedente vino macerato assaggiato (la Ribolla di Terpin), prendendo in considerazione le ovvie e marcate differenze di terroir e uvaggio (e quindi si… il paragone è decisamente azzardato), posso dire che mentre la macerazione di Terpin l’ho definita “perfetta”, perché ci consegna un vino di grande equilibrio, tecnicamente ineccepibile e di grande verticalità, quasi una via di mezzo tra un bianco classico e un macerato estremo.  Il Monte del Cuca, sembra decisamente più “marcato”, meno perfetto, più difficile alla beva, per chi è abituato ai bianchi classici. 

Decisamente più particolare, estremo e verace. Se mi passate il termine un vino “punk”, nella sua forma più “underground”, dove conta l’impatto, il ruvido, la vibra... le sonorità meno pulite ma dirette. In secondo piano la tecnica dei musicisti, la precisione stilistica, la pulizia nel suono. Ma va bene così… il punk rock quando è troppo patinato non è punk ma pop per riempire i palazzetti, non ti emoziona e ti stufa dopo pochi ascolti, perché perde la sua essenza. Spero di aver reso l’idea con questo paragone… sappiate comunque che da queste parti “culturalmente” il rock sporco e di strada è sempre piaciuto… é un vino che ti "acchiappa" e ti costringe a rimettere il naso nel bicchiere, a fare un sorso in più per comprenderlo il più possibile... ma alla fine non ci riesci fino in fondo... e ad ogni sorsata c'è sempre qualcosa da scoprire. 

Quindi anche il Monte del Cuca è riuscito a convincermi, schietto e carico, espressione senza compromessi di un territorio e di una DOC meno considerata, ma che se ben interpretata riesce ad esprimersi alla grande. 

Dall’underground di Gambellara vini estremi per emergere nei confronti dei più blasonati vicini di casa di Soave. Ovviamente non potevo non ironizzare un po’ sul nome della cantina… quindi come abbinamento… sparatevi a tutto volume “Tu Menti” dei CCCP, si tratta di un bianco piuttosto "punk"... quindi ci sta alla grande. Se vi ho incuriosito trovate i vini di Stefano Menti qui o se preferite su altre enoteche on-line. Prezzo più che adeguato tra le 13-15 euro e alla prossima macerazione…

4 commenti:

  1. Ciao Simone.

    Grazie per la recensione.

    Spero di aver occasione di incontrarti in futuro.

    Solo una piccola precisazione: il vetro di Monte del Cuca è verde come quello di Riva Arsiglia ma, il vino arancione ne dà da fuori un effetto marrone.

    A presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te Stefano per essere passato dal blog...
      alla prossima fiera non mancherò il tuo banco assaggi..
      comunque, la bottiglia mi sembrava proprio marrone.. effetto mistico da orange wine...!!! ciao

      Elimina
  2. Assaggiata di recente quest'annata: godibile, convincente.
    Scheda esaustiva: valutazione numerica forse un po' troppo risicata...secondo me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io sono sempre in accordo con rinaldo...

      non ti nego che ero indeciso sulla valutazione numerica... anche se ovviamente conta ben poco... volevo mettere 7.5... poi ho visto che avevo dato quel voto alla Ribolla di Terpin... vino altrettanto valido ma ancora più godibile, figlio di una macerazione meno carica e più elegante... ha più stile e così ho messo 7 al Monte del Cuca... ma spero si sia capito che é un gran vino... piaciuto :-)

      Elimina

PIACIUTO L'ULTIMO POST?? ALLORA LEGGITI ANCHE QUESTI >>

Clicca sulla foto per accedere al post....

3 PACCHE SULLA SPALLA!! STAPPATI 2015.... ECCO LA PLAYLIST!!

3 PACCHE SULLA SPALLA!! STAPPATI 2015.... ECCO LA PLAYLIST!!
Il solito grande classico di fine anno... puntuale come il mercante in fiera, eccovi la playlist di questo 2015...

GATTINARA RISERVA 2006 - D.O.C.G. - Paride Iaretti

GATTINARA RISERVA 2006 - D.O.C.G. - Paride Iaretti
...ritroverete in questo sorso di Gattinara un vino autentico… Il collegamento imprescindibile di vigna, uomo e terra.

VIS 2011 - Barbera d'Asti Superiore D.O.C.G. - Crealto

VIS 2011 - Barbera d'Asti Superiore D.O.C.G. - Crealto
Ancora Crealto, ancora un grande vino... prendetemi alla lettera, la loro Barbera affinata in terracotta è una chicca che sorprende e affascina...

LA TERRA TREMA 2015 - 9°edizione

LA TERRA TREMA 2015 - 9°edizione
"Per noi acquistare una bottiglia di vino, significa acquistare consapevolezza e sapere, oltre che la gioia di godere di un vino come poesia"

PINOT NERO 2010 - Toscana I.G.T. - Voltumna

PINOT NERO 2010 - Toscana I.G.T. - Voltumna
Se avete passato uggiosi pomeriggi a consumare i vinili di Joy division, The Cure, Siouxsie and the Banshees, Bauhaus... non potete rimanere indifferenti al pinot nero di Voltumna.

VB1 VERMENTINO 2010 - Riviera Ligure di Ponente D.O.C. - Tenuta Selvadolce

VB1 VERMENTINO 2010 - Riviera Ligure di Ponente D.O.C. - Tenuta Selvadolce
Uno dei migliori assaggi della Riviera Ligure di Ponente... uno di quei casi in cui è il vino nel bicchiere che parla (...anche al posto del vignaiolo...)

ALTEA ROSSO 2012 - Sibiola I.G.T. - Altea Illotto

ALTEA ROSSO 2012 - Sibiola I.G.T. - Altea Illotto
Serdiana prov. di Cagliari, a pochi metri da dove nasce il vino status symbol dell'enologia sarda, troviamo una bella realtà di bio-resistenza contadina...

RIBOLLA GIALLA 2013 - I.G.P. delle Venezie - I Clivi

RIBOLLA GIALLA 2013 - I.G.P. delle Venezie - I Clivi
Una ribolla che è un soffio di vento... lontani anni luci dai bianchi "tamarrosi" a pasta gialla, tropicalisti, dolciastri, bananosi e polposi.

BARBARESCO CURRA' 2010 - D.O.C.G. - Cantina del Glicine

BARBARESCO CURRA' 2010 - D.O.C.G. - Cantina del Glicine
...piccola, artigianale, familiare, storica… un passo indietro nel tempo... la bottiglia giusta per l'autunno che verrà...

FIANO DI AVELLINO 2012 - D.O.P. - Ciro Picariello

FIANO DI AVELLINO 2012 - D.O.P. - Ciro Picariello
Niente enologo, niente concimi, approccio artigianale e tanta semplicità affinché il vino possa esprimere al meglio il territorio. Se dici Fiano, Ciro Picariello è un punto di riferimento assoluto.

DOS TIERRAS 2011 - Sicilia I.G.T. - Badalucco de la Iglesia Garcia

DOS TIERRAS 2011 - Sicilia I.G.T. - Badalucco de la Iglesia Garcia
...una fusione eno-culturale vincente, un vino che intriga, incuriosisce e si lascia amare, un vino del sole e della gioia, della bellezza territoriale e popolare che accomuna Spagna e Sicilia.

RENOSU BIANCO - Romangia I.G.T. - Tenute Dettori

RENOSU BIANCO - Romangia I.G.T. - Tenute Dettori
...quello che entusiasma del Renosu Bianco è tutto il suo insieme, dalla sua naturalità alla sua originalità, mantenendo una piacevole semplicità nel sorso...

CINQUE VINI, TRE SORELLE, UN TERRITORIO > TUTTI I ROSSI DEL CASTELLO CONTI... IL POST DEFINITIVO

CINQUE VINI, TRE SORELLE, UN TERRITORIO > TUTTI I ROSSI DEL CASTELLO CONTI... IL POST DEFINITIVO
Conosco e bevo "Castello Conti" da alcuni anni, e provo una profonda ammirazione per i loro vini e per il lavoro "senza trucchi" di Elena e Paola. Da una recente visita con degustazione presso la loro cantina di Maggiora, é nata una sorta di collaborazione appassionata, che mi ha permesso di gustare l'intera produzione di rossi del Castello, che oggi in questo mega-post ho il piacere di raccontarvi alla mia maniera...

ACQUISTI IN CANTINA... A VOLTE I CONTI NON TORNANO !!

ACQUISTI IN CANTINA... A VOLTE I CONTI NON TORNANO !!
da "Le vie del vino" di Jonathan Nossiter... < - In cantina questo Volnay, che qui é a 68 euro, ne costa più o meno 25. Quindi non sono i De Montille ad arricchirsi. Ma quando arriva a Parigi o a New York, il vino costa almeno il doppio che dal produttore. - Quindi per noi che abitiamo in Francia val la pena di andare a comprare direttamente da lui. - Si in un certo senso, il ruolo dell'enoteca in città è quello di aprirti le porte per farti scoprire il tuo gusto personale, e di esserti utile quando hai bisogno di qualcosa rapidamente. Poi spetta a te stabilire una relazione diretta con il produttore >

NON STRESSATECI IN ENOTECA !!

NON STRESSATECI IN ENOTECA !!
...Anche se sono un po’ più giovane e indosso il parka con le pins non significa che entro per mettermi sotto il giubbotto le bottiglie di Petrus fiore all’occhiello della vostra enoteca, quindi evitate di allungare il collo o sguinzagliarmi alle spalle un commesso ogni volta che giro dietro allo scaffale.