martedì 19 febbraio 2013

PLACIDO RIZZOTTO ROSSO 2011 - Sicilia I.G.T. - Centopassi

Questo é un vino ricavato da vigne coltivate su una terra (finalmente) libera, é un vino figlio del coraggio e della lotta... é un vino che resiste alle intimidazioni... é un vino per cui nutro rispetto.



Scrivo con molto piacere di questo vino che ho avuto modo di bere svariate volte in passato e che oggi "ri-bevo" grazie alla boccia regalatami dal buon Chicco. Mai come in questo caso però, parlare esclusivamente del bevuto risulta riduttivo, perché il Rosso in questione é il Placido Rizzotto della Cantina Centopassi, azienda vitivinicola associata a Libera Terra. Un progetto significativo, che mette in relazione terra e legalità... riappropriarsi dei terreni confiscati alla mafia per dargli nuova vita... guardare al futuro ripartendo dalle radici, ovvero la propria terra, per anni rubata dalle mafie alla sua gente e ridargli dignità. 

Siamo ovviamente in Sicilia e la realtà Centopassi (per chi non lo sapesse, il nome deriva dal numero dei passi che separavano la casa di Peppino Impastato e il boss mafioso Tano Badalamenti, in quel di Cinisi), fonde il lavoro di 3 cooperative sociali, situate nel corleonese, che, lavorando a regime biologico, sono riusciti a recuperare i terreni (e le vigne) a loro assegnati, per un totale di 400ha coltivati, di cui 90 a vigneto. Tra vecchie vigne autoctone rivitalizzate (Grillo, Nero d'Avola, Catarratto, Perricone) e i classici internazionali Merlot, Syrah, Cabernet ecc... sono molteplici le tipologie di vini realizzati, che attualmente vengono commercializzati in 3 linee di prodotti... i cru, che comprende i vini qualitativamente più ricercati (e dalla bellissima veste grafica aggiungo io…), la linea Centopassi, dedicata soprattutto ai vini autoctoni e la linea Placido Rizzotto (il cui nome ricorda la memoria del sindacalista corleonese ucciso da Cosa Nostra, mentre lottava per l'assegnazione delle terre incolte ai contadini siciliani), costituita da vini I.G.T. realizzate attraverso mix di uve. 

Entrando nel dettaglio del Rosso in questione è realizzato con un mix di Syrah, Nero d’Avola e altre uve in percentuali variabili, che verrano poi riposte a maturate in vasche d'acciao.

Abbiamo quindi a che fare con un buon vino quotidiano o vino da pasto se preferite. Un vino di pronta beva, robusto ma al contempo fresco e snello, con una sua personalità e un buon carattere. A farsi notare oltre ad un rosso rubino profondo, è soprattutto una bella acidità che dona dinamicità e un buon frutto croccante, che con le sue note dolci (amarena e prugna) rende il vino più amabile e rotondo, stemperando la punta acido-alcolica (13%vol.) e un tannino ancora giovane.

Vino sicuramente "corto", ma è l’immediatezza il suo punto di forza. Tenendo conto del prezzo modico (intorno alle 6 euro) decisamente molto meglio rispetto a tanti insignificanti vini (anche siciliani) che vengono acquistati ogni giorno nei supermercati. Potete trovare i prodotti di Libera Terra direttamente dal sito, in molti negozietti equo-solidali e anche alla Coop, per fare un acquisto nel segno della legalità. 

Questo é un vino ricavato da vigne coltivate su una terra (finalmente) libera, é un vino figlio del coraggio e della lotta... é un vino che resiste alle intimidazioni... é un vino per cui nutro rispetto.

5 commenti:

  1. ci saranno tutte le piu' buone ( se non ottime..) intenzioni, pero' il vino e' imbevibile !

    RispondiElimina
  2. sicuramente non é un gran vino... ricorda un po' un novello... ma al di la delle questioni "etiche" non lo definirei comunque imbevibile... direi semplice e diretto.. da bere pasteggiando senza pensarci troppo...

    RispondiElimina
  3. io l'ho bevuto e lo ritengo un ottimo vino

    RispondiElimina
  4. Conosco il vino, lo bevo e lo trovo ottimo (ovviamente per la sua fascia di prodotto). Trovo invece sgradevole e inopportuno che in etichetta non siano indicati i vitigni e le percentuali. Non costa nulla!

    RispondiElimina
  5. Conosco il vino, lo bevo e lo trovo ottimo (ovviamente per la sua fascia di prodotto). Trovo invece sgradevole e inopportuno che in etichetta non siano indicati i vitigni e le percentuali. Non costa nulla!

    RispondiElimina

PIACIUTO L'ULTIMO POST?? ALLORA LEGGITI ANCHE QUESTI >>

Clicca sulla foto per accedere al post....

3 PACCHE SULLA SPALLA!! STAPPATI 2015.... ECCO LA PLAYLIST!!

3 PACCHE SULLA SPALLA!! STAPPATI 2015.... ECCO LA PLAYLIST!!
Il solito grande classico di fine anno... puntuale come il mercante in fiera, eccovi la playlist di questo 2015...

GATTINARA RISERVA 2006 - D.O.C.G. - Paride Iaretti

GATTINARA RISERVA 2006 - D.O.C.G. - Paride Iaretti
...ritroverete in questo sorso di Gattinara un vino autentico… Il collegamento imprescindibile di vigna, uomo e terra.

VIS 2011 - Barbera d'Asti Superiore D.O.C.G. - Crealto

VIS 2011 - Barbera d'Asti Superiore D.O.C.G. - Crealto
Ancora Crealto, ancora un grande vino... prendetemi alla lettera, la loro Barbera affinata in terracotta è una chicca che sorprende e affascina...

LA TERRA TREMA 2015 - 9°edizione

LA TERRA TREMA 2015 - 9°edizione
"Per noi acquistare una bottiglia di vino, significa acquistare consapevolezza e sapere, oltre che la gioia di godere di un vino come poesia"

PINOT NERO 2010 - Toscana I.G.T. - Voltumna

PINOT NERO 2010 - Toscana I.G.T. - Voltumna
Se avete passato uggiosi pomeriggi a consumare i vinili di Joy division, The Cure, Siouxsie and the Banshees, Bauhaus... non potete rimanere indifferenti al pinot nero di Voltumna.

VB1 VERMENTINO 2010 - Riviera Ligure di Ponente D.O.C. - Tenuta Selvadolce

VB1 VERMENTINO 2010 - Riviera Ligure di Ponente D.O.C. - Tenuta Selvadolce
Uno dei migliori assaggi della Riviera Ligure di Ponente... uno di quei casi in cui è il vino nel bicchiere che parla (...anche al posto del vignaiolo...)

ALTEA ROSSO 2012 - Sibiola I.G.T. - Altea Illotto

ALTEA ROSSO 2012 - Sibiola I.G.T. - Altea Illotto
Serdiana prov. di Cagliari, a pochi metri da dove nasce il vino status symbol dell'enologia sarda, troviamo una bella realtà di bio-resistenza contadina...

RIBOLLA GIALLA 2013 - I.G.P. delle Venezie - I Clivi

RIBOLLA GIALLA 2013 - I.G.P. delle Venezie - I Clivi
Una ribolla che è un soffio di vento... lontani anni luci dai bianchi "tamarrosi" a pasta gialla, tropicalisti, dolciastri, bananosi e polposi.

BARBARESCO CURRA' 2010 - D.O.C.G. - Cantina del Glicine

BARBARESCO CURRA' 2010 - D.O.C.G. - Cantina del Glicine
...piccola, artigianale, familiare, storica… un passo indietro nel tempo... la bottiglia giusta per l'autunno che verrà...

FIANO DI AVELLINO 2012 - D.O.P. - Ciro Picariello

FIANO DI AVELLINO 2012 - D.O.P. - Ciro Picariello
Niente enologo, niente concimi, approccio artigianale e tanta semplicità affinché il vino possa esprimere al meglio il territorio. Se dici Fiano, Ciro Picariello è un punto di riferimento assoluto.

DOS TIERRAS 2011 - Sicilia I.G.T. - Badalucco de la Iglesia Garcia

DOS TIERRAS 2011 - Sicilia I.G.T. - Badalucco de la Iglesia Garcia
...una fusione eno-culturale vincente, un vino che intriga, incuriosisce e si lascia amare, un vino del sole e della gioia, della bellezza territoriale e popolare che accomuna Spagna e Sicilia.

RENOSU BIANCO - Romangia I.G.T. - Tenute Dettori

RENOSU BIANCO - Romangia I.G.T. - Tenute Dettori
...quello che entusiasma del Renosu Bianco è tutto il suo insieme, dalla sua naturalità alla sua originalità, mantenendo una piacevole semplicità nel sorso...

CINQUE VINI, TRE SORELLE, UN TERRITORIO > TUTTI I ROSSI DEL CASTELLO CONTI... IL POST DEFINITIVO

CINQUE VINI, TRE SORELLE, UN TERRITORIO > TUTTI I ROSSI DEL CASTELLO CONTI... IL POST DEFINITIVO
Conosco e bevo "Castello Conti" da alcuni anni, e provo una profonda ammirazione per i loro vini e per il lavoro "senza trucchi" di Elena e Paola. Da una recente visita con degustazione presso la loro cantina di Maggiora, é nata una sorta di collaborazione appassionata, che mi ha permesso di gustare l'intera produzione di rossi del Castello, che oggi in questo mega-post ho il piacere di raccontarvi alla mia maniera...

ACQUISTI IN CANTINA... A VOLTE I CONTI NON TORNANO !!

ACQUISTI IN CANTINA... A VOLTE I CONTI NON TORNANO !!
da "Le vie del vino" di Jonathan Nossiter... < - In cantina questo Volnay, che qui é a 68 euro, ne costa più o meno 25. Quindi non sono i De Montille ad arricchirsi. Ma quando arriva a Parigi o a New York, il vino costa almeno il doppio che dal produttore. - Quindi per noi che abitiamo in Francia val la pena di andare a comprare direttamente da lui. - Si in un certo senso, il ruolo dell'enoteca in città è quello di aprirti le porte per farti scoprire il tuo gusto personale, e di esserti utile quando hai bisogno di qualcosa rapidamente. Poi spetta a te stabilire una relazione diretta con il produttore >

NON STRESSATECI IN ENOTECA !!

NON STRESSATECI IN ENOTECA !!
...Anche se sono un po’ più giovane e indosso il parka con le pins non significa che entro per mettermi sotto il giubbotto le bottiglie di Petrus fiore all’occhiello della vostra enoteca, quindi evitate di allungare il collo o sguinzagliarmi alle spalle un commesso ogni volta che giro dietro allo scaffale.