lunedì 7 settembre 2015

FIANO DI AVELLINO 2012 - D.O.P. - Ciro Picariello

Niente enologo, niente concimi, approccio artigianale e tanta semplicità affinché il vino possa esprimere al meglio il territorio. Se dici Fiano, Ciro Picariello è un punto di riferimento assoluto.



Deve essere poco stimolante per gli appassionati bevitori internauti, trovarsi davanti per l’ennesima volta ad un post sul Fiano di Ciro Picariello. Come si dice, è il prezzo del successo, quello che meritatamente si è guadagnato questo piccolo/grande vignaiolo di Summonte, che nell’arco di una decina d’anni (imbottiglia “solo” dal 2004) è riuscito a diventare un punto di riferimento assoluto per la denominazione, tanto che il Nick Hornby di Alta Fedeltà, lo avrebbe sicuramente inserito nella top five dei Fiano di Avellino. Inutile dilungarsi troppo quindi, vi basterà un giro sul web, per leggere decine di post, su blog molto più autorevoli di questo.  


L’azienda è a 650 metri di altitudine, 7 ettari a conduzione familiare, con Ciro si rimboccano le maniche la moglie Rita ed i figli Bruno ed Emma. Niente enologo, niente concimi, approccio artigianale e tanta semplicità affinché il vino possa esprimere al meglio il territorio.


Sono all'incirca 50.000 le bottiglie prodotte, con il Fiano protagonista assoluto, 25.000 bottiglie grazie alle uve coltivate a Summonte e Montefredane (15.000 di Fiano di Avellino D.O.C.G. e 10.000 per l'Irpinia Fiano D.O.C.). Sempre in bianco, da segnalare anche le poche bottiglie della selezione Fiano "Ciro 906" e il Greco di Tufo. Il resto dei vigneti sono a bacca rossa (Aglianico, Piedirosso e Sciascinoso) e danno vita ad un rosso Campania I.G.T., a cui si aggiunge un Aglianico in purezza da un vigneto di Montemarano.


Il Fiano di Avellino di Ciro è realizzato con le uve provenienti da entrambi i vigneti, in quella che a tutti gli effetti, è una delle zone di elezione per la tipologia. Raccolta delle uve tardiva, verso fine ottobre, solo acciaio, lieviti indigeni e affinamento per un anno sulle fecci. Nessuna filtrazione. Poca solforosa. Operazioni semplici (ma non facili...) per ottenere un vino di grande longevità e fortemente legato al territorio. Gradazione alcolica elevata per questo 2012 (siamo sui 14°) e prezzo in enoteca che si aggira tra le 13-15 euro.. decisamente onesto, considerando l'artigianalità del lavoro e la qualità (o meglio "la goduria") che ritroviamo nel bicchiere. Devo aggiungere altro per convincervi all'assaggio ed inserire questa bottiglia nella track-list dei migliori acquisti sotto le 20 euro???? 


Giallo paglierino con riflessi verdognoli, piuttosto carico in verità, non limpidissimo ma vivo e luminoso. Appena infilo il naso nel bicchiere, lo trovo un po' scomposto e sono colpito da una nota citrina piuttosto netta, scorza di limone, lime, pompelmo, citronella, poi lentamente il vino si apre, acquistando maggior eleganza e finezza, smussando gli spigoli a favore di un bouquet intrigante e tridimensionale. Una punta di "lemonade" è sempre presente, accompagnata da una vena minerale che rendono il vino affilato ed incisivo. Ma come ho scritto sopra è vino tridimensionali e non mancano ad ogni "sniffata" le note dolci della frutta bianca e quelle più amarognole degli agrumi, il profumo dei fiori di campo e della macchia mediterranea. E ancora frutta secca tostata, suggestioni balsamiche e fumè. 


Mi aspettavo una beva tagliente, acidula e marcata dalla mineralità, e così sarà, ma senza eccessi. Il sorso risulta assai piacevole e ben equilibrato, riempie il palato, c'è materia ma anche dinamicità, non manca di pulizia e freschezza. Vigoroso ma con eleganza, chiude lungo su note che sanno di agrumi e sale. Una beva precisa che gioca sull' equilibrio tra piacevole aromaticità e vibrante mineralità. 


E' assai consigliabile concedergli qualche anno in più di cantina, per fargli acquisire ancor più equilibrio ed eleganza, per consentirgli un'ulteriore evoluzione. Il problema ovviamente è riuscire a resistergli.


Un sorso poco "sudista" se vogliamo, ma che sicuramente rimarrà nella memoria tra i migliori assaggi "sudisti". Alla prossima...

2 commenti:

  1. non capisco il titolo del post Fiano di Avellino IGP? DOCG o DOP, il Fiano di Avellino non è IGP. Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. credo abbia ragione, chiedo scusa per l'errore... in effetti si legge molto chiaramente anche sulla foto dell'etichetta... grazie x la segnalazione Fabrizio :-)

      Elimina

PIACIUTO L'ULTIMO POST?? ALLORA LEGGITI ANCHE QUESTI >>

Clicca sulla foto per accedere al post....

3 PACCHE SULLA SPALLA!! STAPPATI 2015.... ECCO LA PLAYLIST!!

3 PACCHE SULLA SPALLA!! STAPPATI 2015.... ECCO LA PLAYLIST!!
Il solito grande classico di fine anno... puntuale come il mercante in fiera, eccovi la playlist di questo 2015...

GATTINARA RISERVA 2006 - D.O.C.G. - Paride Iaretti

GATTINARA RISERVA 2006 - D.O.C.G. - Paride Iaretti
...ritroverete in questo sorso di Gattinara un vino autentico… Il collegamento imprescindibile di vigna, uomo e terra.

VIS 2011 - Barbera d'Asti Superiore D.O.C.G. - Crealto

VIS 2011 - Barbera d'Asti Superiore D.O.C.G. - Crealto
Ancora Crealto, ancora un grande vino... prendetemi alla lettera, la loro Barbera affinata in terracotta è una chicca che sorprende e affascina...

LA TERRA TREMA 2015 - 9°edizione

LA TERRA TREMA 2015 - 9°edizione
"Per noi acquistare una bottiglia di vino, significa acquistare consapevolezza e sapere, oltre che la gioia di godere di un vino come poesia"

PINOT NERO 2010 - Toscana I.G.T. - Voltumna

PINOT NERO 2010 - Toscana I.G.T. - Voltumna
Se avete passato uggiosi pomeriggi a consumare i vinili di Joy division, The Cure, Siouxsie and the Banshees, Bauhaus... non potete rimanere indifferenti al pinot nero di Voltumna.

VB1 VERMENTINO 2010 - Riviera Ligure di Ponente D.O.C. - Tenuta Selvadolce

VB1 VERMENTINO 2010 - Riviera Ligure di Ponente D.O.C. - Tenuta Selvadolce
Uno dei migliori assaggi della Riviera Ligure di Ponente... uno di quei casi in cui è il vino nel bicchiere che parla (...anche al posto del vignaiolo...)

ALTEA ROSSO 2012 - Sibiola I.G.T. - Altea Illotto

ALTEA ROSSO 2012 - Sibiola I.G.T. - Altea Illotto
Serdiana prov. di Cagliari, a pochi metri da dove nasce il vino status symbol dell'enologia sarda, troviamo una bella realtà di bio-resistenza contadina...

RIBOLLA GIALLA 2013 - I.G.P. delle Venezie - I Clivi

RIBOLLA GIALLA 2013 - I.G.P. delle Venezie - I Clivi
Una ribolla che è un soffio di vento... lontani anni luci dai bianchi "tamarrosi" a pasta gialla, tropicalisti, dolciastri, bananosi e polposi.

BARBARESCO CURRA' 2010 - D.O.C.G. - Cantina del Glicine

BARBARESCO CURRA' 2010 - D.O.C.G. - Cantina del Glicine
...piccola, artigianale, familiare, storica… un passo indietro nel tempo... la bottiglia giusta per l'autunno che verrà...

FIANO DI AVELLINO 2012 - D.O.P. - Ciro Picariello

FIANO DI AVELLINO 2012 - D.O.P. - Ciro Picariello
Niente enologo, niente concimi, approccio artigianale e tanta semplicità affinché il vino possa esprimere al meglio il territorio. Se dici Fiano, Ciro Picariello è un punto di riferimento assoluto.

DOS TIERRAS 2011 - Sicilia I.G.T. - Badalucco de la Iglesia Garcia

DOS TIERRAS 2011 - Sicilia I.G.T. - Badalucco de la Iglesia Garcia
...una fusione eno-culturale vincente, un vino che intriga, incuriosisce e si lascia amare, un vino del sole e della gioia, della bellezza territoriale e popolare che accomuna Spagna e Sicilia.

RENOSU BIANCO - Romangia I.G.T. - Tenute Dettori

RENOSU BIANCO - Romangia I.G.T. - Tenute Dettori
...quello che entusiasma del Renosu Bianco è tutto il suo insieme, dalla sua naturalità alla sua originalità, mantenendo una piacevole semplicità nel sorso...

CINQUE VINI, TRE SORELLE, UN TERRITORIO > TUTTI I ROSSI DEL CASTELLO CONTI... IL POST DEFINITIVO

CINQUE VINI, TRE SORELLE, UN TERRITORIO > TUTTI I ROSSI DEL CASTELLO CONTI... IL POST DEFINITIVO
Conosco e bevo "Castello Conti" da alcuni anni, e provo una profonda ammirazione per i loro vini e per il lavoro "senza trucchi" di Elena e Paola. Da una recente visita con degustazione presso la loro cantina di Maggiora, é nata una sorta di collaborazione appassionata, che mi ha permesso di gustare l'intera produzione di rossi del Castello, che oggi in questo mega-post ho il piacere di raccontarvi alla mia maniera...

ACQUISTI IN CANTINA... A VOLTE I CONTI NON TORNANO !!

ACQUISTI IN CANTINA... A VOLTE I CONTI NON TORNANO !!
da "Le vie del vino" di Jonathan Nossiter... < - In cantina questo Volnay, che qui é a 68 euro, ne costa più o meno 25. Quindi non sono i De Montille ad arricchirsi. Ma quando arriva a Parigi o a New York, il vino costa almeno il doppio che dal produttore. - Quindi per noi che abitiamo in Francia val la pena di andare a comprare direttamente da lui. - Si in un certo senso, il ruolo dell'enoteca in città è quello di aprirti le porte per farti scoprire il tuo gusto personale, e di esserti utile quando hai bisogno di qualcosa rapidamente. Poi spetta a te stabilire una relazione diretta con il produttore >

NON STRESSATECI IN ENOTECA !!

NON STRESSATECI IN ENOTECA !!
...Anche se sono un po’ più giovane e indosso il parka con le pins non significa che entro per mettermi sotto il giubbotto le bottiglie di Petrus fiore all’occhiello della vostra enoteca, quindi evitate di allungare il collo o sguinzagliarmi alle spalle un commesso ogni volta che giro dietro allo scaffale.