giovedì 12 dicembre 2013

SASSICAIA 2010 - Bolgheri Sassicaia D.O.C. - Tenuta San Guido


Mi sarebbe piaciuto (e al primo sorso un po’ l'ho pensato) definire questo vino "una sola", ma sarebbe un giudizio-pregiudizio


Eccomi arrivato all'incontro con un mito...finalmente. Al di la di tutto quello che é già stato scritto e detto, nel bene e nel male… il Sassicaia rimane indiscutibilmente un vino mitico. Tutti lo conoscono, anche chi non é proprio appassionato, perché il Sassicaia è indiscutibilmente il vino italiano più rappresentativo nel mondo, quello che ha scritto la storia… questo non significa il “più buono” in assoluto, ma sicuramente é il classico vino che chiunque almeno una volta nella vita vorrebbe provare. 

Le motivazioni sono molteplici, in primis l'essere stato definito miglior vino del mondo (annata ‘85), ma c'è molto altro… la storia di un vino “da tavola” diventato grande, la storia del suo enologo Giacomo Tachis e del Marchese Incisa della Rocchetta. Il vino padre di tutti i Supertuscan che ha "stracciato" i cugini francesi sul loro campo… il taglio bordolese e le barriques. La storia di Bolgheri che senza il Sassicaia non sarebbe la Bolgheri che conosciamo oggi, con quel viale di cipressi entrato nella leggenda. Le vetrine delle enoteche in cui non manca mai, con quei prezzi da capogiro a cui é venduto e che spesso lo rendono inarrivabile per noi comuni mortali (e infatti questa bottiglia non l'ho comprata!!)... ma soprattutto il “battesimo” Veronelliano in tempi non sospetti. La storia di un vino che ha noi appassionati figli di Mondovino, risulta un po’ antipatico, per questa sua aurea aristocratica e da salotto buono, per i 100 punti che il sign. Parker le ha assegnato (e non sono un fan del famoso critico americano), ecc… ecc…. mettiamoci pure che é un "marchio" talmente rinomato che ci fanno pure gli interni delle 500 (guarda qui se non ci credi!!) resta il fatto che quando si parla del Sassicaia si entra di prepotenza nell’immaginario collettivo del vino mito. 

Non starò qui a raccontarvi la storia della tenuta San Guido, del Marchese e del Sassicaia, ci sono così tanti articoli in rete che diventerebbe operazione inutile e ripetitiva. Giusto a titolo informativo, ricordo che lo stappato é del 2010 e si tratta dell'ultima annata che possiamo trovare in commercio. Le condizioni climatiche hanno imposto una vendemmia ritardata di 2/3 settimane rispetto alle annate precedenti, quindi verso la metà di ottobre e come molti di voi già sanno, l'uvaggio che compone questo vino é dato dall'assemblaggio di Cabernet Sauvignon (85%) e a completamento Cabernet Franc. La vinificazione avviene in acciaio inox a temperatura controllata (30-31 °C), con macerazione di due settimane sulle bucce. L'affinamento é in barriques di rovere francese e dura due anni, a cui seguono 6 mesi in bottiglia. Gradazione alcolica di 13.5% vol. 

Visto che la domanda più frequente é <com'è il Sassicaia?> e <vale il prezzo?> allora sarò sbrigativo é vi dico che il mio "pensiero" in merito, anche se fortemente condizionato dalla giovane età di questa bottiglia. Un rosso di questa importanza meriterebbe come minimo 4 o 5 anni di cantina prima di essere stappato, qualcuno ha detto che si tratta di un "infanticidio" e probabilmente ha ragione, io preferisco dire che si tratta di un vino ad uno stadio iniziale della sua evoluzione. Sul fatto che sia un grande vino non si discute... bellissimo nel bicchiere nel suo rosso rubino intenso, pulito e di grande eleganza. Profumi complessi e bouquet variegato… la giovane età mette in evidenza soprattutto i sentori legati all'affinamento nelle barriques, il che significa che oltre ad un frutto piuttosto vivo a bacca rossa, ribes, mirtilli e la succosità delle amarene, sono soprattutto le dolci note di vaniglia, cacao e liquirizia a farsi sentire. La caratteristica che più mi ha colpito è la sua grande eleganza, mentre ho trovato un vino piuttosto timido per intensità e persistenza.  Palato di grande vivacità... beva ricca di fascino, avvolgente e tridimensionale, dal tannino dolce e setoso, con una buona acidità che conferisce scorrevolezza e lo rendono assai bevibile. Al contempo, sempre per questioni di gioventù, vien fuori un residuo zuccherino eccessivo, soprattutto nel retrogusto finale e decisamente meno materico di quanto mi aspettassi. Impressiona comunque per struttura, potenziale evolutivo, pulizia e precisione nel sorso. 

Sicuramente un vino di grande classe ed eleganza. Il giudizio lo lascio in sospeso... chi stapperà questa bottiglia tra qualche anno saprà dirci se questo 2010 entrerà di diritto tra le migliori annate di Sassicaia. Di sicuro alcuni accenni di grafite, cuoio, spezie, erbe (e chi più ne ha più ne metta), lasciano presagire un ulteriore amplificazione della gamma gusto-olfattiva, mentre le prime valutazioni a freddo, mi hanno lasciato un po’ perplesso per un eccesso di dolcezza e sentori tipici delle barriques nuove. Permettetemi comunque di spezzare una lancia a favore del Sassicaia per la sua incredibile eleganza e raffinatezza... quando si parla di Supertuscan e di vini a base Cabernet barricati, spesso ci si trova a "scazzottare" con vini possenti, ricchi di materia e di alcool... vini che impressionano alla prima "sniffata" per poi spegnersi lentamente bicchiere dopo bicchiere... il Sassicaia invece ha un equilibrio e una scorrevolezza alla beva, tipica dei "grandi", sempre in progressione nel bicchiere, con grande scioltezza e quella "apparente semplicità" e "naturalezza nel gesto" che caratterizza solo le esecuzioni dei grandi campioni.

Mi sarebbe piaciuto (e al primo sorso un po’ l'ho pensato) definire questo vino "una sola", ma sarebbe un giudizio-pregiudizio, poco obbiettivo, forzato dalla sua giovane età e dal mio scarso amore per i vini costosi e i Supertuscan. Quindi alla domanda "vale il prezzo del biglietto?" non saprei rispondere. Nella categoria dei "bolgheresi" a mio avviso sta sicuramente sul podio insieme al Solaia e all'Ornellaia... più che altro dovete chiedervi qual'è il vostro gusto personale... sulla sua grandezza non c'è da discutere... e se amate il taglio bordolese vale la pazzia (questa annata parte da 120 euro), se invece come il sottoscritto siete più su altri generi, penso che con quei soldi sia meglio mettere in cantina un grande Sangiovese o un grande Nebbiolo (e magari risparmiate pure qualche euro... butto li un Monprivato di Mascarello ad esempio) o un gran cru di Borgogna (senza scomodare i mostri sacri... c'è l'imbarazzo della scelta). Come si dice in questi casi... de gustibus non est disputandum...

10 commenti:

  1. Premesso che, ameno di impazzimenti di qualche amico o familiare o di sorprese della sorte, non berrò mai il Sassicaia, visto il prezzo, una cosa mi fa incavolare di brutto da consumatore: con 120€ mi viene venduto un vino ancora molto, forse troppo, giovane. Ma per quella cifra il signor Marchese non si degna neanche di tenersi in cantina il vino 2-3 anni di più, in modo da darmi un vino un pò più "pronto"? Tanto non credo abbia problemi a venderlo lo stesso! Bah...
    Valerio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sul tuo stesso piano.. nel senso che anche per me la bottiglia è arrivata dall'impazzimento di qualche familiare... il vino poi a suo modo é già pronto per il mercato... spetta poi a noi appassionati coccolare le bottiglie migliori e saper attendere il giusto momento per coglierle... ciao e grazie per essere passato!!

      Elimina
    2. Ma chi te lo fa fare di comprarlo?

      Elimina
    3. Ma chi te lo fa fare di comprarlo?

      Elimina
  2. Io ho in cantina un 2006, che mia moglie mi regalo' per il compleanno. Pero sono quei vini cosi impegnativi (almeno economicamente), che non trovo mai l occasione adeguata per stapparlo. Vedremo...

    RispondiElimina
  3. Aspettiamo tuo notizie allora... quando stappi facci sapere... anch'io tenevo i vini migliori per le grandi occasioni... poi ho deciso che la grande occasione é quando ne ho voglia io indipendentemente dal calendario!!

    RispondiElimina
  4. ma acidità? cioè da come lo descrivi sembra già fatto con una prospettiva assai ridotta. Non me lo sarei aspettato così elegante.

    RispondiElimina
  5. ha colpito anche a me per la sua nobile veste al cospetto della giovane età... acidità poca.. avvertibile più che altro nella scorrevolezza della beva...

    RispondiElimina
  6. Prezzo assurdo per un vino buono. Con 120 euro compro da 4 a 6 bottiglie di vino molto meglio del Sassicaia, che mi fanno emozionare.
    Scusate ma io ho bevuto l'anno scorso (in una cena di anniversario di matrimonio) ma non mi ha emozionato per niente, è tutta pubblicità

    RispondiElimina
  7. Scusate solo una piccola precisazione,il Solaia non e' un Bolgherese ma un Chiantigiano Supertuscan

    RispondiElimina

PIACIUTO L'ULTIMO POST?? ALLORA LEGGITI ANCHE QUESTI >>

Clicca sulla foto per accedere al post....

3 PACCHE SULLA SPALLA!! STAPPATI 2015.... ECCO LA PLAYLIST!!

3 PACCHE SULLA SPALLA!! STAPPATI 2015.... ECCO LA PLAYLIST!!
Il solito grande classico di fine anno... puntuale come il mercante in fiera, eccovi la playlist di questo 2015...

GATTINARA RISERVA 2006 - D.O.C.G. - Paride Iaretti

GATTINARA RISERVA 2006 - D.O.C.G. - Paride Iaretti
...ritroverete in questo sorso di Gattinara un vino autentico… Il collegamento imprescindibile di vigna, uomo e terra.

VIS 2011 - Barbera d'Asti Superiore D.O.C.G. - Crealto

VIS 2011 - Barbera d'Asti Superiore D.O.C.G. - Crealto
Ancora Crealto, ancora un grande vino... prendetemi alla lettera, la loro Barbera affinata in terracotta è una chicca che sorprende e affascina...

LA TERRA TREMA 2015 - 9°edizione

LA TERRA TREMA 2015 - 9°edizione
"Per noi acquistare una bottiglia di vino, significa acquistare consapevolezza e sapere, oltre che la gioia di godere di un vino come poesia"

PINOT NERO 2010 - Toscana I.G.T. - Voltumna

PINOT NERO 2010 - Toscana I.G.T. - Voltumna
Se avete passato uggiosi pomeriggi a consumare i vinili di Joy division, The Cure, Siouxsie and the Banshees, Bauhaus... non potete rimanere indifferenti al pinot nero di Voltumna.

VB1 VERMENTINO 2010 - Riviera Ligure di Ponente D.O.C. - Tenuta Selvadolce

VB1 VERMENTINO 2010 - Riviera Ligure di Ponente D.O.C. - Tenuta Selvadolce
Uno dei migliori assaggi della Riviera Ligure di Ponente... uno di quei casi in cui è il vino nel bicchiere che parla (...anche al posto del vignaiolo...)

ALTEA ROSSO 2012 - Sibiola I.G.T. - Altea Illotto

ALTEA ROSSO 2012 - Sibiola I.G.T. - Altea Illotto
Serdiana prov. di Cagliari, a pochi metri da dove nasce il vino status symbol dell'enologia sarda, troviamo una bella realtà di bio-resistenza contadina...

RIBOLLA GIALLA 2013 - I.G.P. delle Venezie - I Clivi

RIBOLLA GIALLA 2013 - I.G.P. delle Venezie - I Clivi
Una ribolla che è un soffio di vento... lontani anni luci dai bianchi "tamarrosi" a pasta gialla, tropicalisti, dolciastri, bananosi e polposi.

BARBARESCO CURRA' 2010 - D.O.C.G. - Cantina del Glicine

BARBARESCO CURRA' 2010 - D.O.C.G. - Cantina del Glicine
...piccola, artigianale, familiare, storica… un passo indietro nel tempo... la bottiglia giusta per l'autunno che verrà...

FIANO DI AVELLINO 2012 - D.O.P. - Ciro Picariello

FIANO DI AVELLINO 2012 - D.O.P. - Ciro Picariello
Niente enologo, niente concimi, approccio artigianale e tanta semplicità affinché il vino possa esprimere al meglio il territorio. Se dici Fiano, Ciro Picariello è un punto di riferimento assoluto.

DOS TIERRAS 2011 - Sicilia I.G.T. - Badalucco de la Iglesia Garcia

DOS TIERRAS 2011 - Sicilia I.G.T. - Badalucco de la Iglesia Garcia
...una fusione eno-culturale vincente, un vino che intriga, incuriosisce e si lascia amare, un vino del sole e della gioia, della bellezza territoriale e popolare che accomuna Spagna e Sicilia.

RENOSU BIANCO - Romangia I.G.T. - Tenute Dettori

RENOSU BIANCO - Romangia I.G.T. - Tenute Dettori
...quello che entusiasma del Renosu Bianco è tutto il suo insieme, dalla sua naturalità alla sua originalità, mantenendo una piacevole semplicità nel sorso...

CINQUE VINI, TRE SORELLE, UN TERRITORIO > TUTTI I ROSSI DEL CASTELLO CONTI... IL POST DEFINITIVO

CINQUE VINI, TRE SORELLE, UN TERRITORIO > TUTTI I ROSSI DEL CASTELLO CONTI... IL POST DEFINITIVO
Conosco e bevo "Castello Conti" da alcuni anni, e provo una profonda ammirazione per i loro vini e per il lavoro "senza trucchi" di Elena e Paola. Da una recente visita con degustazione presso la loro cantina di Maggiora, é nata una sorta di collaborazione appassionata, che mi ha permesso di gustare l'intera produzione di rossi del Castello, che oggi in questo mega-post ho il piacere di raccontarvi alla mia maniera...

ACQUISTI IN CANTINA... A VOLTE I CONTI NON TORNANO !!

ACQUISTI IN CANTINA... A VOLTE I CONTI NON TORNANO !!
da "Le vie del vino" di Jonathan Nossiter... < - In cantina questo Volnay, che qui é a 68 euro, ne costa più o meno 25. Quindi non sono i De Montille ad arricchirsi. Ma quando arriva a Parigi o a New York, il vino costa almeno il doppio che dal produttore. - Quindi per noi che abitiamo in Francia val la pena di andare a comprare direttamente da lui. - Si in un certo senso, il ruolo dell'enoteca in città è quello di aprirti le porte per farti scoprire il tuo gusto personale, e di esserti utile quando hai bisogno di qualcosa rapidamente. Poi spetta a te stabilire una relazione diretta con il produttore >

NON STRESSATECI IN ENOTECA !!

NON STRESSATECI IN ENOTECA !!
...Anche se sono un po’ più giovane e indosso il parka con le pins non significa che entro per mettermi sotto il giubbotto le bottiglie di Petrus fiore all’occhiello della vostra enoteca, quindi evitate di allungare il collo o sguinzagliarmi alle spalle un commesso ogni volta che giro dietro allo scaffale.