sabato 12 ottobre 2013

NUDE 2005 - Campania Aglianico I.G.T. - Cantina Giardino

... un tocco di rusticità ed imperfezione lo rendono incredibilmente verace e artigianale… un vino da “mangiare”… se mi passate il termine… un qualcosa in più che onestamente fa la differenza…


Come anticipato nel precedente post dedicato al Lacrima Christi di De Angelis prodotto con uve Piedirosso, resto in zona per parlarvi dell’altro principale vitigno campano a bacca rossa, ovvero l’Aglianico e lo faccio grazie ad un gradito ritorno su questo blog… Torno infatti a scrivere di Antonio e Daniela Di Gruttola e del loro progetto eno-culturale Cantina Giardino, già esplorato qualche mese fa attraverso la “poco felice” degustazione del suo Sophia, mentre oggi mi rifaccio con gli interessi di fronte al suo Nude, probabilmente uno dei migliori Aglianico in circolazione.

Sulla cantina di Ariano Irpino (AV) ho già avuto modo di esprimere tutta la mia stima incondizionata, che va al di là del risultato finale, ovvero il vino, giudicabile in base al gusto di ognuno... Quello che entusiasma é tutto quello che sta dietro ogni singola bottiglia prodotta dai soci/amici di Cantina Giardino... storie di amicizie, di rispetto per la terra, di amore e dissidenza. Storie di valorizzazione del territorio e delle uve autoctone... storie di antichi vigneti recuperati, di vino "naturale" in terra campana (tanto da diventarne esempio e punto di riferimento), storie di anziani conferitori artigiani e contadini, con la volontà di fare cultura e perché no reddito nel territorio.

L'avventura iniziata ufficialmente nel 2003, oggi conta 8 ettari vitati e 25.000 bottiglie prodotte con le autoctone uve raccolte da vigneti con età superiore ai 30 anni... Fiano, Coda di Volpe, Greco di Tufo e Aglianico. Proprio da questa uva si ricava il Nude, il vino più importante della Cantina, in attesa che venga commercializzato il loro ultimo gioiello, un Taurasi Riserva 2007... 

Oggi scrivo proprio del Nude 2005, Aglianico in purezza ricavato da una piccola vigna di un ettaro con quasi un secolo di vita, allevata con il tradizionale sistema della raggiera avellinese. Se ne ricavano circa 3000 bottiglie, produzione artigianale e senza compromessi, figlia di un lavoro rispettoso sia in vigna che in cantina. Lungo affinamento di 3 anni in barriques e tonneaux di terzo passaggio a cui si aggiungono 2 anni di riposo in bottiglia. Il tutto senza alcuna filtrazione e chiarifica, utilizzo dei soli lieviti indigeni e solforosa ridotta a soli 8 mg/l.

Considerando il carattere senza compromessi dei vini di Cantina Giardino e del lungo affinamento ho stappato con oltre un'ora di anticipo, per evitare l'effetto "riduzione" iniziale e lasciare respirare un po' il vino. 
Nel bicchiere un rubino scarico, scuro e profondo dalle sfumature granato, impenetrabile, aspetto da “vinone” ricco di materia ma non troppo concentrato e sorprendentemente fluido e pulito. Naso molto più educato di quanto mi aspettassi… (forse ancora “vittima” di quel Sophia), esprimere potenza e persistenza con buon impatto, vinoso e a tratti saturante, ma che sa essere anche avvolgente con un bouquet caldo e caleidoscopico, ricco di suggestioni che ti costringono a tornare sul bicchiere in un continuo lavoro di ricerca. Una spinta alcolica (14%vol.) che scalda e punge, che sorregge e non prevarica un frutto grosso e intrigante (more e lamponi), spezie piccanti (pepe e chiodi di garofano), erbe aromatiche e una piacevole tostatura di fondo, sigaro, caffè e liquirizia accompagnate da suggestioni mediterranee. Alla beva dimostra un gran carattere, poderoso e strutturato, grande persistenza, trama tannica robusta, con grandi potenzialità di invecchiamento ed evoluzione. Lungo e profondo, è vino di grande impatto, ma che sorso dopo sorso, riesce sempre più a convincere per il suo equilibrio, dimostrandosi intrigante e piacevole, ricco di materia succosa snellita da una spiccata acidità, che ne esalta una beva sempre tesa e ci avvia verso un finale che... sembra non finire mai. Tridimensionale.

Il Nude 2005 è un grande vino, ho appositamente evitato di bermi tutta la bottiglia a cena per avanzare il classico bicchiere del giorno dopo… anzi per una serie di circostanze i giorni sono diventati due! Abbandonato sulla mensola e ritappato con il suo tappo di sughero (niente pompette o altri marchingeni).... al cospetto della naturalità del prodotto e dei pochi solfiti utilizzati, il vino si é rilevato in perfette condizioni ed ulteriormente evoluto, risultando ancora più bevibile, snello ed etereo nei profumi, con un frutto ancora bello vivo. La sua grandezza, come ho già scritto per altri vini che mi hanno entusiasmato, sta proprio nel saper integrare in un solo sorso, carattere e complessità, esprimere la stoffa del “grande” vino, rinunciando ad un po' di eleganza e finezza, ma mantenendo quel un tocco di rusticità ed imperfezione che lo rendono incredibilmente verace e artigianale… un vino da “mangiare”… se mi passate il termine…. un qualcosa in più che onestamente fa la differenza…

Da amante del “Nebbiolo e i suoi derivati”, fatico ad esaltarmi con i rossi del sud, ma in anni in cui la tendenza sembra sempre più puntare ai rossi in stile Borgogna, fa piacere trovare un vino con i “contro cazzi” come questo… buono, tosto, complesso, verticale, artigianale e assolutamente non omologato… Una delle bottiglie "campane" più interessanti che ho bevuto insieme al Nero Nè de Il Cancelliere, non a caso altra realtà "naturale" dell'Irpinia.

Ovviamente un vino del genere non lo portate via per quattro soldi… potete comunque trovarlo qui a 30 euro… cifra che fa pensare… prima di investire 30 euro in una bottiglia ci penso bene… non è che mi pesa spendere 30 euro per un vino… ma voglio assicurarmi che le sto spendendo per la bottiglia giusta ed in questo caso.. il prezzo é giusto e vale il sacrificio...
Per il momento il miglior Aglianico della mia vita.

7 commenti:

  1. Ciao Simo, da come hai descritto codesta bottiglia (piena di emozioni) mi lascia ricordare un aglianico sempre di rilievo La Firma Cantine del notaio ( del Vulture Basilicata) annata 2005 a mio parere vino ancora giovane, poteva restare in cantina altri 5 anni forse piu'; spettacolare! Purtroppo non tanto compiacente è stato il prezzo 30 euri tondi tondi (spesi Benissimo). Fine della fiera mi girano un po' pensare che per acquistare una buona bottiglia il mercato ci costringa (ma nessuno ci obbliga) a spendere tali cifre ,anche se a mio parere alla fine la differenza si vede e come! Saluto tutti ti seguo sempre... fedelissimo.

    RispondiElimina
  2. ciao e grazie per la tua fedeltà... purtroppo il prezzo di certe bottiglie é elevato, sono maggiori i costi che deve sostenere la cantina, ma soprattutto come dici tu, il mercato impone il prezzo... so di vignaioli che potrebbero vendere i loro vini (faccio un esempio) a 6-7 euro, avendo il loro buon guadagno, ma alla fine sono "costretti" a venderli a 10-12 perché quella é la fascia di prezzo per quella tipologia di vino.. e se tu lo vendi a meno la gente pensa che non sia un vino qualitativamente valido... insomma un meccanismo perverso... Cantine del Notaio é una realtà importante del Vulture.. vini indubbiamente validi.. anche se a mio piccolo e modesto parere ci sono realtà più piccolo ed interessanti da scoprire...l'ormai famosa Elena Fucci su tutti, ma anche Musto Carmelitano, Camerlengo e Grifalco della Lucania
    Ciao

    RispondiElimina
  3. Adoro Cantina Giardino di Di Gruttula e Co, per i vini, per il progetto criticato da molti per il fatto di non avere vigne di proprietà, per la strada senza ritorno che ormai stanno seguendo da oltre 10 anni.
    Sono vini i loro senza compromessi, si amano o si odiano, che emozionano in maniera esponenziale chi sa capirli anche in bottiglie sfortunate, perché prima di tutto sono vini gastronomici, sui quali si può parlare tanto ma che soprattutto a tavola tra 4 amici finiscono in un attimo, anche se bisogna dargli il tempo di esprimersi con distensione.

    Vedo che apprezziamo spesso le stesse cantine: Grifalco, Musto Carmeliano, Borgo del Tiglio, C. Giardino...
    Beh una volta battute certe strade non si torna dietro!!!

    RispondiElimina
  4. In Campania non sottovalutare:
    Cantina Lonardo (contrade di Taurasi) per bianchi e rossi fuori dal comune e approccio naturale
    Monte di Grazia a Tramonti, vini introvabili quanto unici
    Agnanum di Raffaele Moccia, per i campi Flegrei
    Pietracupa, Picariello, Villa Diamante con vini che i francesi venderebbero come Chablis Premier cru

    Per dirne alcuni che hanno la filosofia che piace a te, a me!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Claudio... hai scritto una grande verità... non si torna più indietro!!!... grazie per le dritte campane... ho già bevuto alcuni bianchi di Pietracupa e Picariello... spero di riuscire a provare anche il resto...

      Elimina
    2. io ti consiglio questo >> cantina Il Cancelliere.. se non hai ancora bevuto il loro Taurasi provalo... (http://simodivino.blogspot.it/2013/01/nero-ne-2005-taurasi-docg-il-cancelliere.html) e poi ovviamente Tecce... a proposito di Campania ho in lista e ne scriverò a breve i vini di Della Valle Jappellj da uve autoctone Pallagrello nero e Casavecchia dalla provincia di Caserta

      Elimina
  5. http://grappolospargolo.spazioblog.it/173854/Alcune+interpretazioni+di+Taurasi+in+una+degustazione+trasversale.html

    I Taurasi de Il Cancelliere sono molto intriganti, ma anche li che la mano di Di Gruttula e poi Tecce è un fuoriclasse che si ama o si odia, i suoi vini sono sempre emozionanti anche se dai prezzi strabilianti!!!

    Della Valle Jappellj mi è nuovo, seguo con interesse novità e ti segnalo Rao come produttore di nicchia per quella tipologia di vini...

    Grazie a te.

    RispondiElimina

PIACIUTO L'ULTIMO POST?? ALLORA LEGGITI ANCHE QUESTI >>

Clicca sulla foto per accedere al post....

3 PACCHE SULLA SPALLA!! STAPPATI 2015.... ECCO LA PLAYLIST!!

3 PACCHE SULLA SPALLA!! STAPPATI 2015.... ECCO LA PLAYLIST!!
Il solito grande classico di fine anno... puntuale come il mercante in fiera, eccovi la playlist di questo 2015...

GATTINARA RISERVA 2006 - D.O.C.G. - Paride Iaretti

GATTINARA RISERVA 2006 - D.O.C.G. - Paride Iaretti
...ritroverete in questo sorso di Gattinara un vino autentico… Il collegamento imprescindibile di vigna, uomo e terra.

VIS 2011 - Barbera d'Asti Superiore D.O.C.G. - Crealto

VIS 2011 - Barbera d'Asti Superiore D.O.C.G. - Crealto
Ancora Crealto, ancora un grande vino... prendetemi alla lettera, la loro Barbera affinata in terracotta è una chicca che sorprende e affascina...

LA TERRA TREMA 2015 - 9°edizione

LA TERRA TREMA 2015 - 9°edizione
"Per noi acquistare una bottiglia di vino, significa acquistare consapevolezza e sapere, oltre che la gioia di godere di un vino come poesia"

PINOT NERO 2010 - Toscana I.G.T. - Voltumna

PINOT NERO 2010 - Toscana I.G.T. - Voltumna
Se avete passato uggiosi pomeriggi a consumare i vinili di Joy division, The Cure, Siouxsie and the Banshees, Bauhaus... non potete rimanere indifferenti al pinot nero di Voltumna.

VB1 VERMENTINO 2010 - Riviera Ligure di Ponente D.O.C. - Tenuta Selvadolce

VB1 VERMENTINO 2010 - Riviera Ligure di Ponente D.O.C. - Tenuta Selvadolce
Uno dei migliori assaggi della Riviera Ligure di Ponente... uno di quei casi in cui è il vino nel bicchiere che parla (...anche al posto del vignaiolo...)

ALTEA ROSSO 2012 - Sibiola I.G.T. - Altea Illotto

ALTEA ROSSO 2012 - Sibiola I.G.T. - Altea Illotto
Serdiana prov. di Cagliari, a pochi metri da dove nasce il vino status symbol dell'enologia sarda, troviamo una bella realtà di bio-resistenza contadina...

RIBOLLA GIALLA 2013 - I.G.P. delle Venezie - I Clivi

RIBOLLA GIALLA 2013 - I.G.P. delle Venezie - I Clivi
Una ribolla che è un soffio di vento... lontani anni luci dai bianchi "tamarrosi" a pasta gialla, tropicalisti, dolciastri, bananosi e polposi.

BARBARESCO CURRA' 2010 - D.O.C.G. - Cantina del Glicine

BARBARESCO CURRA' 2010 - D.O.C.G. - Cantina del Glicine
...piccola, artigianale, familiare, storica… un passo indietro nel tempo... la bottiglia giusta per l'autunno che verrà...

FIANO DI AVELLINO 2012 - D.O.P. - Ciro Picariello

FIANO DI AVELLINO 2012 - D.O.P. - Ciro Picariello
Niente enologo, niente concimi, approccio artigianale e tanta semplicità affinché il vino possa esprimere al meglio il territorio. Se dici Fiano, Ciro Picariello è un punto di riferimento assoluto.

DOS TIERRAS 2011 - Sicilia I.G.T. - Badalucco de la Iglesia Garcia

DOS TIERRAS 2011 - Sicilia I.G.T. - Badalucco de la Iglesia Garcia
...una fusione eno-culturale vincente, un vino che intriga, incuriosisce e si lascia amare, un vino del sole e della gioia, della bellezza territoriale e popolare che accomuna Spagna e Sicilia.

RENOSU BIANCO - Romangia I.G.T. - Tenute Dettori

RENOSU BIANCO - Romangia I.G.T. - Tenute Dettori
...quello che entusiasma del Renosu Bianco è tutto il suo insieme, dalla sua naturalità alla sua originalità, mantenendo una piacevole semplicità nel sorso...

CINQUE VINI, TRE SORELLE, UN TERRITORIO > TUTTI I ROSSI DEL CASTELLO CONTI... IL POST DEFINITIVO

CINQUE VINI, TRE SORELLE, UN TERRITORIO > TUTTI I ROSSI DEL CASTELLO CONTI... IL POST DEFINITIVO
Conosco e bevo "Castello Conti" da alcuni anni, e provo una profonda ammirazione per i loro vini e per il lavoro "senza trucchi" di Elena e Paola. Da una recente visita con degustazione presso la loro cantina di Maggiora, é nata una sorta di collaborazione appassionata, che mi ha permesso di gustare l'intera produzione di rossi del Castello, che oggi in questo mega-post ho il piacere di raccontarvi alla mia maniera...

ACQUISTI IN CANTINA... A VOLTE I CONTI NON TORNANO !!

ACQUISTI IN CANTINA... A VOLTE I CONTI NON TORNANO !!
da "Le vie del vino" di Jonathan Nossiter... < - In cantina questo Volnay, che qui é a 68 euro, ne costa più o meno 25. Quindi non sono i De Montille ad arricchirsi. Ma quando arriva a Parigi o a New York, il vino costa almeno il doppio che dal produttore. - Quindi per noi che abitiamo in Francia val la pena di andare a comprare direttamente da lui. - Si in un certo senso, il ruolo dell'enoteca in città è quello di aprirti le porte per farti scoprire il tuo gusto personale, e di esserti utile quando hai bisogno di qualcosa rapidamente. Poi spetta a te stabilire una relazione diretta con il produttore >

NON STRESSATECI IN ENOTECA !!

NON STRESSATECI IN ENOTECA !!
...Anche se sono un po’ più giovane e indosso il parka con le pins non significa che entro per mettermi sotto il giubbotto le bottiglie di Petrus fiore all’occhiello della vostra enoteca, quindi evitate di allungare il collo o sguinzagliarmi alle spalle un commesso ogni volta che giro dietro allo scaffale.