lunedì 30 dicembre 2013

3 PACCHE SULLA SPALLA!! STAPPATI 2013.... ECCO COSA MI HA ENTUSIASMATO!!

Uno sguardo al passato per affrontare il futuro. Il 2014 enoico a Simo diVino parte da qui. E' tempo di bilanci, e come ho già fatto l'anno scorso, mi diverto a riassumere in un piccolo "The best of....", le più interessanti "stappate" dell'anno appena trascorso. Non ci sono state grandi discussioni per stilare la top ten, visto che sono l'unico a dover scegliere e che ho preso in considerazione solo le bottiglie recensite su questo blog. Non si tratta di una classifica e non ha pretese esaustive, non ho tenuto conto di assaggi volanti, fiere mercato e tavolate gogliardiche. Diciamo che si tratta di una selezione dei vini assaggiati dalla prima all'ultima goccia, vini di cui ho potuto farmi un'idea precisa e per molti di essi parlarne anche con i produttori. Probabilmente non si tratta nemmeno dei più buoni in assoluto (diciamo a livello organolettico), ma quelli che per un'insieme di motivazioni mi hanno maggiormente convinto e coinvolto. Eccovi quindi 5 bianchi, 5 rossi... più uno..., che hanno saputo segnare il mio 2013 enoico. Alcuni di voi li conoscono molto bene, per tutti gli altri qualche buon consiglio per gli eno-acquisti del 2014 !!. (clicca sul nome del vino per leggere la recensione completa!!)

 

> GRILLO 2011 - Sicilia I.G.T. - Barraco  
Per gli appassionati di vini "naturali" il nome di Nino Barraco non é una novità. Il giovane vignaiolo con questo Grillo é riuscito ad esprimere vitigno, terroir e tradizione come pochi, grazie ad un bicchiere "esplosivo", dove la complessità e la corrispondenza territoriale non sono per nulla plasmate. Il vino é diretto e sfoggia fin da subito la sua carta di identità... una materia importante arricchita ed equilibrata da un'insieme di sentori e suggestioni che parlano a più non posso di Sicilia e Marsala. Vino non perfetto, ma indubbiamente vivo, vero e viscerale... troppo spesso si abusa del termine "vino di territorio", che invece calza a pennello per questo Grillo... la Sicilia racchiusa in un bicchiere!!


> CINQUE TERRE 2011 - D.O.C. - Forlini Cappellini
Come si fa a non innamorarsi dei vini di due vignaioli come Germana Forlini e Alberto Cappellini ?? 9.000 "eroiche" bottiglie prodotte a strapiombo sul mare, e il loro bianco é un simbolo esemplare del territorio mozzafiato e "tagliagambe" su cui crescono le viti vecchie di settant'anni. Bosco, Vermentino e Albarola danno vita ad un vino tagliente e verticale ricco di suggestioni di macchia mediterranea, sale marino, resina di pino, agrumi, rocce bagnate, erbe selvatiche, note salmastre... le Cinque Terre illustrate in un sorso... per un vino di terra figlio del mare.

Quando si parla dei vini bianchi del Collio, si parla dell'eccellenza, soprattutto se si é al cospetto di un vignaiolo come Franco Terpin. Questa Ribolla é l'esempio di come deve essere un bianco macerato perfettamente. Un sorso che esprime carica, consistenza e originalità, ma senza dimenticare freschezza e bevibilità, una rocciosa e pungente mineralità carsica, una bella verticalità, ma anche una beva pulita e rinfrescante. Un grande vino "naturale" dall'equilibrio perfetto.

Ancora un bianco macerato.. evidentemente "me gusta"... ma in questo caso ad esaltarmi non é la macerazione perfetta, ma la macerazione estrema. Un vulcanico "orange wine" da uve Garganega, decisamente “punk”... non solo per essersi "volutamente declassato", ma perché qui a contare é l’impatto, il ruvido, la vibra... le sonorità meno pulite ma più dirette. In secondo piano la tecnica, la precisione stilistica, la pulizia nel suono. Ma va bene così… il punk rock quando è troppo patinato non arriva al cuore e soddisfa solo i fighetti che giocano a fare gli alternativi. Vino da stage diving!!

Questo forse, meriterebbe il primo posto tra i bianchi bevuti quest'anno. Niente macerazioni in questo caso ma una grandissima Malvasia che punta  alla qualità assoluta. Vinificazione in bianco e utilizzo di barriques, per un vino che esprime una complessità sottrattiva. Qui a colpire é la apparente semplicità, fatta di eleganza, finezza e grande pulizia. Tutti gli elementi che vai cercando in un grande vino bianco li ritrovi racchiusi in un equilibrio perfetto. Nicola Manferrari esprime nei suoi vini la complessità nella maniera più semplice possibile... come solo i grandi campioni sanno fare.

> MARCALEONE 2010 - Grignolino del Monferrato Casalese D.O.C. - Crealto
E’ vino da gustare e non da degustare, la sua essenza è ben rappresentata in etichetta, una bella tavola tra amici per un vino che esce dai salotti buoni, riappropriandosi della sua funzione alimentare e conviviale. Tenetene sempre una bottiglia a portata di mano, una pausa rigenerante durante una giornata di lavoro nei campi... un amico che passa a trovarti durante l'ora di cena, o più semplicemente una bella passeggiata tra le vigne... un bicchiere di Grignolino, un "panozzo" con il salame, un bel pezzo di formaggio... e vi rimettete in pace con il mondo. Gustoso ed appagante, pulito e mai grasso, è l’antitesi del vino moderno. Ogni volta che bevi un Grignolino, è un viaggio indietro nel tempo e il Marcaleone ne è un’ottima espressione. 

> NUDE 2005 - Campania Aglianico I.G.T. - Cantina Giardino
Ad entusiasmare é tutto quello che sta dietro ogni singola bottiglia prodotta dai soci/amici di Cantina Giardino... storie di amicizie, di rispetto per la terra, di amore e dissidenza. Storie di valorizzazione del territorio e delle uve autoctone... storie di antichi vigneti recuperati, di vino "naturale" in terra campana, storie di anziani conferitori artigiani e contadini, con la volontà di fare cultura e perché no reddito nel territorio. La grandezza di questo Aglianico, sta proprio nel saper integrare in un solo sorso, carattere e complessità, esprimere la stoffa del “grande” vino, rinunciando ad un po' di eleganza e finezza, ma mantenendo quel tocco di rusticità ed imperfezione che lo rendono incredibilmente verace e artigianale… Vino da “mangiare”!!

> CHIANTI COLLI SENESI 2008 - D.O.C.G. - Pacina
Il primo bicchiere mi ha lasciato un po' deluso, troppo ruvido e scomposto, poi mi ci sono tuffato dentro e me lo sono "goduto" fino all'ultima goccia, ed era da tempo che un rosso non mi regalava un così "rustico" appagamento. Da una parte abbiamo ancora chi persevera a produrre vini spesso legnosi e pesanti, seduti dopo il terzo bicchiere, dall'altra la contro-tendenza di sgrassare il più possibile, puntare sulla leggerezza, sullo stile "Borgogna"... ma per fortuna nel mezzo ci sono vini genuini come questo Chianti a cui poco importa della tendenze e riesce con innata semplicità ad esprimere l'autenticità e la ruralità del luogo in cui nasce. Sovversivo, perché sa essere contadino e artigianale, sa esprimere la potenza e il vigore che ti aspetti da un vino che non si piega alle tendenze e ti stupisce con una beva mai doma, ricca di succo e di  polpa masticabile, che ci lascia felici e appagati, obbligandoci a leccarci le labbra una volta posato il bicchiere. Questo é il vino che ogni oste dovrebbe servire ai propri ospiti... 

> ROSSO DI MONTALCINO 2009 - D.O.C. - Campi di Fonterenza
Montalcino non é solo Brunello e riesce a racchiudere la sua essenza anche nel suo rosso base... soprattutto quando porta la firma "natur" di Francesca e Margherita Padovani. Un bicchiere ricco di sfaccettature… un vino che non perde mai tono… struttura e persistenza, complessità… mai sulle gambe. E' gagliardo grazie ad una tensione sempre viva, territoriale, leggermente rustico ma con una sua eleganza... chiamiamola personalità, credo sia questa la parola giusta. Vino vero, autentico e senza trucchi, questa indubbiamente é la sua marcia in più… espressione di un grande terroir, della passione e dedizione del suo vignaiolo nell'accudirlo. Tutto questo si sente nel bicchiere e fa la differenza !

> BAROLO GINESTRA CASA MATE' - D.O.C.G. - Elio Grasso
Vino nobile e di razza, leggermente sgraziato, con un tannino non proprio vellutato e una struttura importante... etereo, persistente e di grande complessità aromatica...  é la perfetta espressione di una giornata tardo autunnale passata tra i filari di Monforte... é la perfetta espressione del carattere schivo, tenace e fiero dei contadini di Langa. Gente come Elio Grasso, uno che vuol essere definito contadino ancor prima di produttore, a testimonianza del forte legame con il mondo rurale in cui é nato, che ne fa un agricoltore langarolo e un vignaiolo vecchio stampo. Tradizionalista come il suo Barolo.
Siamo in Sardegna e quando si parla di un vino simbolo, che ha saputo segnare la storia e il carattere di questa terra, non può non venire in mente la Vernaccia di Oristano. Dal color ambra e una consistenza che ricorda i vini passiti, ma  più fluido, esprime caratteristiche "flor" di grande fascino, dalle nocciole tostate alle mandorle amare, amaretto, frutta secca, nespole, canditi. Davvero eccellente e coinvolgente. E' proprio un piacere perdersi con il naso dentro il bicchiere. Sublime. Vino storico e "old style" troppo spesso dimenticato. Non commettete questo errore!!




Concludo menzionando una serie di vini che per i più svariati motivi hanno saputo convincere il mio palato, ma che ho dovuto escludere dalla top ten...  Due classici dell'enologia nostrana, vini dell'enologo con cui ho poco feeling ma che non posso discutere per la loro precisione stilistica, come il Montevetrano 2008 di Silvia Imparato e il Terre Brune 2008 di Santadi. Ma soprattutto ho dovuto scartare a malincuore dalla top ten il "materico" Vigna del Prey 2011 di Boschis, il "notturno" Under the Sky 2010 di Mattia Filippi, il Ser Balduzio 2006 di Fiorano, autentico Montepulciano di razza, il Nepomuceno (Esercizio n°7) di Cantrina, davvero un bel esercizio di stile. Menzione speciale per i due vini che più degli altri avrebbero meritato un posto tra i 10+1 del 2013. Il Vigneri Rosso 2010 di Salvo Foti un "signore" che ha saputo valorizzare e ridare dignità ad un territorio. Storia, tradizioni e la magia di queste antiche vigne aggrappate sull'Etna valgono molto di più di qualsiasi considerazione organolettica. Per concludere impossibile non menzionare Eugenio Rosi e il suo Anisos 2009. Lo sguardo, le mani, le parole, esprimono tutta la passione e le energie profuse da anni su e giù tra i filari delle montagne trentine e questo vino ne é espressione diretta. 
Un buon 2014 enoico a tutti.

Leggi la top ten dell'anno scorso:
STAPPATI 2012... ECCO I MIGLIORI 10+1 LE PIU' INTERESSANTI BEVUTE DEL 2012

 

1 commento:

  1. Enrico Antonelli8 gennaio 2014 13:22

    Per l'ennesima volta....COMPLIMENTI STEFANO!

    RispondiElimina

PIACIUTO L'ULTIMO POST?? ALLORA LEGGITI ANCHE QUESTI >>

Clicca sulla foto per accedere al post....

3 PACCHE SULLA SPALLA!! STAPPATI 2015.... ECCO LA PLAYLIST!!

3 PACCHE SULLA SPALLA!! STAPPATI 2015.... ECCO LA PLAYLIST!!
Il solito grande classico di fine anno... puntuale come il mercante in fiera, eccovi la playlist di questo 2015...

GATTINARA RISERVA 2006 - D.O.C.G. - Paride Iaretti

GATTINARA RISERVA 2006 - D.O.C.G. - Paride Iaretti
...ritroverete in questo sorso di Gattinara un vino autentico… Il collegamento imprescindibile di vigna, uomo e terra.

VIS 2011 - Barbera d'Asti Superiore D.O.C.G. - Crealto

VIS 2011 - Barbera d'Asti Superiore D.O.C.G. - Crealto
Ancora Crealto, ancora un grande vino... prendetemi alla lettera, la loro Barbera affinata in terracotta è una chicca che sorprende e affascina...

LA TERRA TREMA 2015 - 9°edizione

LA TERRA TREMA 2015 - 9°edizione
"Per noi acquistare una bottiglia di vino, significa acquistare consapevolezza e sapere, oltre che la gioia di godere di un vino come poesia"

PINOT NERO 2010 - Toscana I.G.T. - Voltumna

PINOT NERO 2010 - Toscana I.G.T. - Voltumna
Se avete passato uggiosi pomeriggi a consumare i vinili di Joy division, The Cure, Siouxsie and the Banshees, Bauhaus... non potete rimanere indifferenti al pinot nero di Voltumna.

VB1 VERMENTINO 2010 - Riviera Ligure di Ponente D.O.C. - Tenuta Selvadolce

VB1 VERMENTINO 2010 - Riviera Ligure di Ponente D.O.C. - Tenuta Selvadolce
Uno dei migliori assaggi della Riviera Ligure di Ponente... uno di quei casi in cui è il vino nel bicchiere che parla (...anche al posto del vignaiolo...)

ALTEA ROSSO 2012 - Sibiola I.G.T. - Altea Illotto

ALTEA ROSSO 2012 - Sibiola I.G.T. - Altea Illotto
Serdiana prov. di Cagliari, a pochi metri da dove nasce il vino status symbol dell'enologia sarda, troviamo una bella realtà di bio-resistenza contadina...

RIBOLLA GIALLA 2013 - I.G.P. delle Venezie - I Clivi

RIBOLLA GIALLA 2013 - I.G.P. delle Venezie - I Clivi
Una ribolla che è un soffio di vento... lontani anni luci dai bianchi "tamarrosi" a pasta gialla, tropicalisti, dolciastri, bananosi e polposi.

BARBARESCO CURRA' 2010 - D.O.C.G. - Cantina del Glicine

BARBARESCO CURRA' 2010 - D.O.C.G. - Cantina del Glicine
...piccola, artigianale, familiare, storica… un passo indietro nel tempo... la bottiglia giusta per l'autunno che verrà...

FIANO DI AVELLINO 2012 - D.O.P. - Ciro Picariello

FIANO DI AVELLINO 2012 - D.O.P. - Ciro Picariello
Niente enologo, niente concimi, approccio artigianale e tanta semplicità affinché il vino possa esprimere al meglio il territorio. Se dici Fiano, Ciro Picariello è un punto di riferimento assoluto.

DOS TIERRAS 2011 - Sicilia I.G.T. - Badalucco de la Iglesia Garcia

DOS TIERRAS 2011 - Sicilia I.G.T. - Badalucco de la Iglesia Garcia
...una fusione eno-culturale vincente, un vino che intriga, incuriosisce e si lascia amare, un vino del sole e della gioia, della bellezza territoriale e popolare che accomuna Spagna e Sicilia.

RENOSU BIANCO - Romangia I.G.T. - Tenute Dettori

RENOSU BIANCO - Romangia I.G.T. - Tenute Dettori
...quello che entusiasma del Renosu Bianco è tutto il suo insieme, dalla sua naturalità alla sua originalità, mantenendo una piacevole semplicità nel sorso...

CINQUE VINI, TRE SORELLE, UN TERRITORIO > TUTTI I ROSSI DEL CASTELLO CONTI... IL POST DEFINITIVO

CINQUE VINI, TRE SORELLE, UN TERRITORIO > TUTTI I ROSSI DEL CASTELLO CONTI... IL POST DEFINITIVO
Conosco e bevo "Castello Conti" da alcuni anni, e provo una profonda ammirazione per i loro vini e per il lavoro "senza trucchi" di Elena e Paola. Da una recente visita con degustazione presso la loro cantina di Maggiora, é nata una sorta di collaborazione appassionata, che mi ha permesso di gustare l'intera produzione di rossi del Castello, che oggi in questo mega-post ho il piacere di raccontarvi alla mia maniera...

ACQUISTI IN CANTINA... A VOLTE I CONTI NON TORNANO !!

ACQUISTI IN CANTINA... A VOLTE I CONTI NON TORNANO !!
da "Le vie del vino" di Jonathan Nossiter... < - In cantina questo Volnay, che qui é a 68 euro, ne costa più o meno 25. Quindi non sono i De Montille ad arricchirsi. Ma quando arriva a Parigi o a New York, il vino costa almeno il doppio che dal produttore. - Quindi per noi che abitiamo in Francia val la pena di andare a comprare direttamente da lui. - Si in un certo senso, il ruolo dell'enoteca in città è quello di aprirti le porte per farti scoprire il tuo gusto personale, e di esserti utile quando hai bisogno di qualcosa rapidamente. Poi spetta a te stabilire una relazione diretta con il produttore >

NON STRESSATECI IN ENOTECA !!

NON STRESSATECI IN ENOTECA !!
...Anche se sono un po’ più giovane e indosso il parka con le pins non significa che entro per mettermi sotto il giubbotto le bottiglie di Petrus fiore all’occhiello della vostra enoteca, quindi evitate di allungare il collo o sguinzagliarmi alle spalle un commesso ogni volta che giro dietro allo scaffale.